Ti regalo 600 euro con lo SCEC

by

Abbiamo già parlato dello SCEC in passato e proviamo a parlarne ancora, visto che i fondamentali dell’economia danno segnali sempre più preoccupanti. La crisi sta consumando aziende, posti di lavoro, servizi sociali e welfare. Quello che gli Stati potevano fare, in qualche modo lo stanno facendo, ma ancora una volta il messaggio che vogliamo farvi arrivare è: dobbiamo pensarci noi.

Ecco quindi come aumentare il nostro potere d’acquisto rafforzando l’economia locale e proteggendoci dalle oscillazioni dell’economia nazionale e internazionale.

Ne ragioniamo lunedì 16 maggio alle 20:30 alla Sala Consorzio vini del Centro S. Teodoro. Ci sarà con noi Pierluigi Paoletti, presidente di Arcipelago SCEC e ci spiegherà tutto per bene.

Passiamo parola

Questa volta però, dobbiamo essere in tanti, quindi, contrariamente al solito, vi chiediamo di attivarvi coinvolgendo le persone che vi sono vicine. Non dorrebbe essere tanto difficile, qui si tratta di diventare più ricchi… di solito l’idea piace a tutti. 600 euro in più all’anno per gestire la vostra vita non sono miracolosi, ma probabilmente interessano a molti.

Che succede se non siamo abbastanza?

Niente di particolare, l’operazione non parte, ci si riproverà più avanti, ma prima ci muoviamo, maggiori saranno i vantaggi che potremo ottenere come comunità nel suo complesso… deciderete voi se vale la pena.

Cosa prepara l’Europa

Sono reduce da Bruxelles dove ho partecipato a un meeting organizzato dal Consiglio d’Europa. I transizionisti europei sono stati invitati per dare il loro contributo, il tema era semplice: Responsabilità Sociale Condivisa. Detto in altre parole, il mondo cambia, l’assistenza pubblica offerta ai cittadini nelle società europee si ridurrà, bisogna spiegare a tutti che la “responsabilità sociale” non è più un affare nelle mani degli stati, ma va “condivisa” tra tutti.

Tutti dovremo preoccuparci di tutti o i più deboli non avranno nessuno che si preoccupa di loro e con la crisi in corso, le fasce deboli si stanno ampliando sempre più. Quindi preoccupiamoci di noi stessi, subito, è meglio.

Ma cosa dobbiamo fare esattamente?

Beh, si fa la transizione ovviamente, ci si riorganizza. Questo vale anche per l’economia, che va sostenuta anche, e soprattutto, con mezzi nuovi. In questo caso la proposta è semplice. Combattiamo la crisi aumentando da subito il potere d’acquisto dei cittadini di Monteveglio. Si può fare utilizzando lo SCEC, un sistema di sconto solidale che può essere attivato in tempi molto brevi.

Lo SCEC si presenta coma una serie di buoni sconto che possono essere utilizzati presso negozi, artigiani, fornitori di servizi, aziende e istituzioni pubbliche. Chi accetta gli SCEC  decide di concedere una certa percentuale di sconto sui propri prodotti e servizi.

Fin qui lo SCEC assomiglia a un normale buono sconto, come quello dei supermercati. Ma la particolarità dello SCEC è che una volta accettato, può essere nuovamente speso. Quindi il fruttivendolo che accetta lo SCEC come sconto sulla frutta, può poi spenderlo per acquistare la carne dal macellaio, il quale può usarlo per pagare la mensa scolastica del proprio figlio, ecc.

Semplice ed efficace, ma…

Un meccanismo molto facile quindi, e chi non ha un’attività commerciale o professionale o un’azienda, riceve gli SCEC direttamente e gratuitamente (o quasi) dall’associazione che si occupa di tenere attivo il circuito in Italia. C’è solo un problema. Il gioco funziona bene se in tanti usano lo SCEC e se in tanti lo accettano.

A Monteveglio ci sono le condizioni ideali per fare un esperimento sistemico (cioè molto completo). Abbiamo l’interesse di molti negozianti e dell’Amministrazione Comunale. La nostra proposta è cominciare a informare il resto dei cittadini e partire con una prima sperimentazione. Se ci piace, se funziona, si allargherà a tutti.

Servono due o tre persone  disposte a dare una mano nella gestione del progetto, senza non si potrà partire. Non saranno sole, ci saremo noi di Monteveglio Città di Transizione, ci sarà l’amministrazione comunale, ci sono alcuni rappresentanti dei commercianti, ma la squadra va completata…

Non solo sconti

La cosa davvero intressante dello SCEC è che oltre a sostenere il nostro potere d’acquisto, potrebbe aiutare la nascita di nuove aziende, sostenere quelle esistenti, rivitalizzare l’agricoltura locale, creare nuovi servizi pubblici, nuove forme di servizi sociali e mettere in moto interessanti meccanismi di solidarietà all’interno della nostra comunità. Un’occasione davvero per tutti.

Ci vediamo lunedì 16?

About these ads

Tag: , , ,

Una Risposta to “Ti regalo 600 euro con lo SCEC”

  1. Reddito di Cittadinanza » Blog Archive » Ti regalo 600 euro Says:

    [...] tratto da Monteveglio transizione [...]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 316 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: