Come nascere su marte

by

Anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO) aumenta il livello d’attenzione di tutti su uno dei maggiori paradossi della nostra epoca. Abbiamo modificato così pesantemente l’ambiente in cui viviamo che da mettere serissimamente a repentaglio i nostri “cuccioli”. I piccoli d’uomo nascono oggi in un contesto ambientale decisamente ostile e poco adatto alla loro natura fisiologica.

Se ne è parlato (in italiano qualcosa la trovate qui) recentemente a Parma in un convegno internazionale (e si son dette le cose che la Dott.ssa Gentilini è venuta a raccontarci pochi giorni fa).

Per i nostri figli, nascere in un mondo così inquinato e contaminato e come per un cucciolo di orso bianco nascere all’equatore, o per uno di babbuino nascere al polo nord. Un primario di allergologia mi ha fatto un altro esempio: è come se nascessero su marte, il sistema immunitario non è preparato a quello che incontrerà.

Ebbene sì, questo è diventato un pianeta alieno, per milioni di anni ci siamo sviluppati in condizioni diverse e il nostro corpo è predisposto per un certo tipo di atmosfera e a difendersi dagli agenti naturali che sono sempre stati presenti nel nostro abitat. Ora le attività umane stanno saturando il mondo di composti chimici, fumi, vapori, metalli che non sono mai stati presenti in grandi quantità nell’ambiente dove gli uomini si sono evoluti. È come sbarcare su marte senza tuta da astronauta a proteggerci: dannatamente pericoloso.

Beh, che dire?
Pensateci. E se dopo averci pensato vi viene voglia di agire e reagire… noi siamo qui.
Possiamo cambiare tutto in pochi anni.

Tag: , , , ,

Una Risposta to “Come nascere su marte”

  1. tTalk S. Lazzaro: com’è andata « Io e la Transizione Says:

    […] Da ieri ho poi deciso di aggiungere alla serie dei picchi anche gli ultimi due, molto importanti, che di solito omettevo. Quello del debito e quello della salute (in realtà ci sarebbe anche quello della felicità… mah… adesso vedo). Per arrivare a questa decisione sono stati determinanti gli incontri e i lunghi scambi di idee e dubbi con Pier Luigi Paoletti e Patrizia Gentilini. […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: