Allerta caldo

by

Avete già sperimentato la delizia delle nuove estati targate Riscaldamento Globale, nel terreno ci sono crepe in cui potete infilare un braccio e gli agricoltori sono piuttosto disperati.

Non è finita, è in arrivo una nuova onda di calore intensa e prolungata quindi non prendetela troppo alla leggera e soprattutto RISPARMIATE L’ACQUA.

Continuo a vedere gente che annaffia allegramente il giardino attingendo dalla rete potabile. Capisco che la maggior parte delle persone è abituata ad avere l’acqua nel rubinetto, costa anche poco, perché non usarla?

Beh il mondo è cambiato, cambierà sempre più in fretta e in maniera sempre più radicale. Prima ce ne rendiamo conto, prima possiamo cominciare a risolvere il problema. Prima cominciamo a risolverlo, prima ci accorgeremo che le soluzioni portano un sacco di vantaggi sociali ed economici (ma questo è un discorso più lungo).

ECCO COSA È IMPORTANTE FARE:

  1. Risparmiate energia ed emissioni*
  2. Risparmiate l’acqua in tutti i modi, fatela diventare un’abitudine di tutti
  3. Non sottovalutate il caldo
  4. Fate manutenzione a grondaie, scolatoi, fossati, ecc.**
  5. Predisponete sistemi di raccolta delle acque piovane

* Combattere le emissioni di gas serra è fondamentale, muovetevi a piedi, in bici, con mezzi pubblici, mezzi elettrici e le auto e gli impianti di riscaldamento (in inverno) stanno letteralmente uccidendo il pianeta e l’economia.

** Con tutta l’energia accumulata in atmosfera, quando arriveranno le piogge potrebbero essere molto violente e provocare precipitazioni a cui non siamo abituati. I sistemi di gestione e regimentazione delle acque, anche quelli domestici devono essere pronti.

Buon caldo a tutti.

Tag: ,

8 Risposte to “Allerta caldo”

  1. Ceci Says:

    Sul ns blog abbiamo postato due articoli sulla siccità, scarsità e aumento prezzi del cibo..prendo a prestito anche il tuo post, ok?! Grazie.

  2. Ancora sulla siccità « Idee per la Transizione a Carpi Says:

    […] di Monteveglio non ce ne vorrà ma oggi prendiamo pari pari il suo post sul loro blog, perché  anche lui affronta il tema siccità con un punto di vista  leggermente […]

    • Cristiano Says:

      Uno dei motti della Transizione è “never reinvent the wheel”, inutile riscrivere un post se qualcuno ha già scritto quello che ti serve, quindi servitevi senza problemi..

  3. Ceci Says:

    adoro il pragmatismo transizionista🙂 grazie ancora e a presto

  4. renzo bozzolan Says:

    Ciao Cristiano e grazie per i tuoi consigli..
    Ma io la vedo in un’altra ottica che rispecchia le teorie complottiste… e cioè il controllo climatico da parte di chi ne vuole fare una speculazione, spero vivamente di sbagliarmi ma da quando alzo gli occhi al cielo e non lo vedo + blu ma a righe “scie chimiche ” la delusione di un cambiamento radicale da parte nostra mi sembra un’utopia….
    ciao alla prossima

    • Cristiano Says:

      Mi sento di rassicurarti, e come tu speri sì, ti sbagli, quelle che vedi sono normali scie di condensazione. Abbiamo una marea di problemi veri, immensi, di cui conosciamo perfettamente la causa, suggerirei di non distrarsi con le fantasie. So che in questa grande confusione è facile perdere il filo, è facile immaginare complotti e piani segreti, ma sarebbe l’ennesima perdita di tempo e ne abbiamo già perso così tanto..

  5. renzo bozzolan Says:

    Ciao… non voglio insistere…ma prova a leggere qui….
    ciao

    • Cristiano Says:

      Renzo, perdonami, mi hai linkato un pezzo su SEIDONNA che non dice assolutamente nulla. È molto importante capire a quali fonti ha senso fare riferimento e con quali fonti è corretto costruirsi una percezione del mondo che ci circonda.

      Poi ovviamente ognuno crede a ciò che preferisce. Potrà magari aiutarti sapere che, se esistesse davvero l’universo delle scie chimiche (annessi e connessi), il modo per venirne fuori sarebbe comunque fare la Transizione.

      Sappi anche che il nostro cervello non sa resistere a una buona storia, è normale, è una delle ragioni per cui siamo sempre sull’orlo della nostra stessa autodistruzione. Il mio consiglio è di fare di tutto per cercare di fare riferimento al mondo reale, però so che non sempre è facile.

      (PS. perdonami se tolgo i link ma non ho nessuna intenzione di fare ranking per articoli di questo tipo).

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: