Archive for the ‘Attività’ Category

Milioni di sfollati e a nessuno interessa…

maggio 27, 2014

Balcani_1

SOS BALCANI!

Ieri sera c’è stata una riunione al centro sociale di Ponte Samoggia per analizzare meglio la situazione gravissima delle popolazioni alluvionate in Bosnia, Croazia e altre zone vicinissime a noi.

SITUAZIONE

È evidente che ci sono centinaia di migliaia di persone sfollate e nei luoghi colpiti non esistono sistemi di protezione civile e assistenza paragonabili ai nostri. Nonostante la gravità dell’evento e l’immensa necessità di aiuti le informazioni sono poche, la maggior parte delle persone in Italia non ha una percezione della situazione, la macchina degli aiuti internazionali sembra ferma (la protezione civile italiana pare non sia nemmeno partita).

serbia_1

AZIONI IMMEDIATE

Con i presenti di ieri sera si è pensato di costituire un comitato locale che coordini la capacità di aiuto della Valsamoggia e dintorni, chiedendo anche il patrocinio al comune. Abbiamo identificato due canali sicuri attraverso cui mandare soldi e pensiamo che la cosa più concreta sia, per il momento, agire in questo modo. L’invio di materiali ha una serie di complicazioni logistiche che vanno prima risolte.

Considerate che i nostri euro là hanno un bel peso, quindi anche piccole cifre fanno una interessante differenza. Potete subito cominciare a donare con certezza che i soldi vadano a buon fine a:

OXFAM ITALIA

(Si può donare anche in modo periodico tramite RID senza costo dell’operazione, un modo molto solido di aiutare nel tempo perché l’emergenza durerà a lungo, personalmente ho fatto così)

—-

Adottando e Tuzlanska Amica
BANCA POPOLARE DELL’ EMILIA ROMAGNA Ag. 16 BO
INT: ADOTTANDO BOLOGNA ONLUS
IBAN: IT 70 R 05387 02416 000001181586
Causale: Emergenza alluvione Bosnia

SERBIA-FLOOD-WEATHER

COMITATO SOS BALCANI

I singoli o le associazioni che volessero far parte del comitato, anche solo come presenza simbolica e di solidarietà, sono pregati di contattare al più presto Tanja Drincic Minic per segnalare la volontà di aderire. Sarebbe bello che Valsamoggia mandasse un forte segnale di solidarietà e riuscisse a raccogliere un po’ di aiuti concreti, sarà sempre una goccia nel mare, ma il mare è fatto di gocce.

Probabilmente sarà attivata una mailing list e un apposito gruppo fb per mantenersi in contatto e informati. Per il momento potete fare riferimento a questo Gruppo Facebook.

Comunque cercheremo di postare anche qui gli aggiornamenti.

L’ultima chiamata a Monteveglio

aprile 23, 2014

Come forse sapete, Rai Storia manda in onda il documentario “Ultima Chiamata“, così si è pensato di guardarcelo assieme a S. Teodoro a Monteveglio (via Abbazia, 28). Chi vuole può raggiungerci dalle 20:00 in modo da poter parlare un po’ prima e un po’ dopo la visione.

Sappiamo che questo film ha un effetto molto intenso su chi conosce tutta la storia ed è molto utile per chi la conosce poco, o per nulla, ma se accompagnato da qualcuno che completa la visione con collegamenti al mondo reale… e io cercherò di aiutarvi in quello.

Se ne avete voglia, ci si vede domenica sera …

PS:
La visione (e comprensione) è fortemente consigliata a chiunque si candidi nel ruolo di amministratore pubblico alle prossime elezioni 😉

Strade in Transizione

novembre 26, 2013

StradeTrans

 

Scarica il VolantinoInformativo_Test

Abbiamo bisogno del vostro aiuto, stiamo per lanciare questa (vedi volantino qui sopra) operazione a Monteveglio e prima di stampare migliaia di copie del volantino vorremmo chiedervi se capite tutto e quali dubbi vi restano.

È un percorso sperimentale molto interessante mutuato dalle sperimentazioni fatte nel Regno Unito (poi ne parliamo anche meglio e ci sarà il sito dedicato).

Vi chiediamo di scaricare il file pdf (ricordatevi che è una bozza), leggerlo con calma e dirci se vi restano dei dubbi e fateci sapere nei commenti a questo post. Grazie fin d’ora a quelli che avranno voglia di dare suggerimenti. Grazie, grazie, grazie…

Regalami un Albero: messa a dimora rimandata

novembre 25, 2013

ATTENZIONE!!! Dopo una valutazione delle condizioni del terreno, reso fradicio dalle piogge degli ultimi giorni, la messa a dimora delle piante è rimandata a venerdì prossimo.

In arrivo 100 alberi, anzi 200…

novembre 18, 2013

CertificatoAlberi

 

Eccoci arrivati al magico momento in cui i sogni diventano cose reali. Il 26 novembre prossimo, con tutte le classi della scuola primaria di Monteveglio saliremo sul fianco della collina a piantare all’incirca 100 nuovi alberi: evviva!

Se vi serve sapere di più di questo progetto date un’occhiata qui, ci pare di poter dire che fino ad ora stiamo procedendo bene e al nostro lavoro si aggiunge anche quello del progetto “Sentiero della Natività” di Strade Pulite che prosegue la piantumazione degli alberi che per legge ogni comune dovrebbe dedicare ai nuovi nati (percorso già cominciato nel 2011 – vedi filmato qui sotto)

Alla fine quindi, il territorio vedrà la messa a dimora di circa 200 nuove piante: rievviva! Se riusciremo a mettere giù un quantitativo simile ogni anno vorrà dire che staremo davvero facendo un rimboschimento significativo.

Grande allegria quindi per questa prima tappa, grazie a tutti quelli che hanno collaborato fin qui. Grazie a chi ha acquistato i certificati, ai negozianti che si sono offerti di distribuirli, ai bambini della scuola che hanno seminato il sovescio e seguito l’evoluzione del terreno, alle maestre e i maestri che li accompagnano in questo viaggio, ai genitori che hanno cominciato a regalare alberi (e a quelli che non lo fanno ancora ma forse scopriranno che è importantissimo), all’Ente Parchi che alla fine ci ha donato le piante rendendo possibile un intervento molto più grande di quello che avevamo previsto, al Comune di Monteveglio che sostiene questi progetti e agli Streccapogn che stanno facendo il lavoro operativo sul campo.

Chi poi volesse venire a dar una mano il 26 e nei giorni successivi (o anche in quelli precedenti) si metta in contatto con noi (c’è parecchio lavoro da fare).

E, infine, non smettete di regalare alberi: abbiamo appena incominciato!
Facciamola diventare un’abitudine irrinunciabile. Soprattutto a Natale.

Statuto: Gestione del territorio

agosto 28, 2013
Ecco qui la versione finale del Titolo dedicato alla gestione del territorio prodotta ieri sera. L’idea potrebbe essere di presentare questa revisione lunedì alla commissione. Nel frattempo siete tutti invitati a rileggerla e a fornire suggerimenti di rifinitura (se ce ne fossero).
Prosegue invece il lavoro sul tema del “decentramento”, della relazione tra Municipi e Comune e sul ruolo della deliberazione (partecipazione) nelle dinamiche della comunità.
——-
Rev. 27/08/2013
PRINCIPI PER LA GESTIONE DEL TERRITORIO
DELLE RISORSE E DELL’ECONOMIA
 
Il Comune di Valsamoggia adotta questi principi guida per la gestione della relazione tra risorse del territorio ed economia.

Principio di Integrità del sistema Terra
Il Comune di Valsamoggia intende il proprio Territorio come l’ambito geografico, fisico, sociale e biologico affidato alla comunità e lo riconosce come parte indissolubile del sistema della biosfera e delle risorse terrestre.

Principio del rispetto dei limiti
Il Comune di Valsamoggia è consapevole che lo sviluppo delle attività umane è dipendente dalla qualità degli ecosistemi che lo sostengono a livello locale e globale, che esistono limiti di sicurezza (Planetary Boundaries) che non devono essere superati e che ciò pone inevitabilmente dei limiti alla crescita economica quando questa è basata sul consumo delle risorse e produce rifiuti e sostanze inquinanti.

Principio di continuità
Per rispettare i limiti già menzionati, un’economia sicura e sostenibile parte dall’azione locale e tiene conto del contesto globale. Per fare ciò è necessario:
  • prevedere l’individuazione di obiettivi a lungo periodo che mantengano la comunità entro i limiti di sicurezza ambientale e tendano all’eccellenza della qualità dell’ambiente;
  • creare le condizioni e gli strumenti per perseguirli in modo stabile e con continuità.

Principio di resilienza
Il Comune di Valsamoggia opera per favorire la resilienza della propria comunità, cioè la capacità delle sue componenti istituzionali, sociali, economiche e organizzative di reagire ai traumi e ai cambiamenti senza degenerare o interrompere le proprie funzioni.
Questo principio non è da intendere unicamente in una logica di precauzione o prevenzione, ma come condizione fondante di un prospero sviluppo della comunità stessa.
A tale scopo il Comune predispone idonei strumenti permanenti che consentano di:

  • valutare dinamicamente, efficacemente e rapidamente l’azione amministrativa e le sue conseguenze
  • monitorare dinamicamente, efficacemente e rapidamente alcuni indicatori di riferimento che consentano di percepire rischi e opportunità con cui la comunità è chiamata a confrontarsi
  • proteggere e incentiva la biodiversità
  • promuovere sul territorio diversità e la differenziazione delle iniziative, delle organizzazioni, delle risorse, dei sistemi economici, degli approcci culturali, ecc.
  • contribuire alla creazione di risposte ai bisogni fondamentali della comunità caratterizzate da semplicità, modularità e ridondanza
  • favorire lo sviluppo di una rete di vive relazioni tra gli individui, i gruppi, le organizzazioni e le istituzioni del territorio, anche quando operano su scala, livelli e margini temporali differenti
  • sviluppare accanto alla moneta di corso legale anche altre modalità di pagamento, scambio e di misura del valore di beni e servizi

Principio di priorità ed equità
Il Comune s’impegna a sviluppare la propria capacità di provvedere alle necessità fondamentali della comunità riducendo la propria impronta ecologica su altri territori e contesti sociali. In particolare, le necessità di acqua, cibo, rifugio ed energia devono trovare risposte prioritarie nelle risorse del territorio.
Ciò non preclude ogni altro livello economico sostenibile, ma garantisce condizioni minime di equa soddisfazione delle necessità di ognuno.

Principio di consapevolezza
Il Comune di Valsamoggia riconosce l’importanza di accrescere la consapevolezza di tutti i componenti della comunità rispetto ai principi sopra enunciati.

Principio del ruolo della conoscenza nell’azione amministrativa
L’azione amministrativa non può prescindere e deve tenere in debita considerazione ciò che è possibile conoscere del nostro pianeta come unico sistema interconnesso. Per questo ogni strumento di conoscenza scientifica, rispettoso dei precedenti punti, sarà utilizzato al fine di tutelare il bene del Territorio.

Statuto e costituente

agosto 22, 2013

Pensavo che ci potremmo vedere il prossimo martedì (27 agosto) per provare a concludere il lavoro iniziato sulle parti di statuto di nostro interesse. Se ne avete voglia facciamo verso le 20:45 sempre a S. Teodoro. Faccio un giro anche via email per vedere se ci siamo o se siamo ancora troppo sparsi in vacanze varie.

Questa potrebbe essere un’occasione anche per persone nuove che hanno manifestato interesse a partecipare, allo stesso tempo dovrebbe essere una sessione operativa, quindi gli eventuali nuovi arrivati avranno un pochino di pazienza… magari apriamo con un riepilogo e poi ci mettiamo a lavorare su ciò che manca.

Se vi interessa, ci vediamo martedì…

————————————————————————-
post correlati per chi non ha seguito fin qui:

https://montevegliotransizione.wordpress.com/2013/07/11/un-lavoro-da-finire/
https://montevegliotransizione.wordpress.com/2013/06/03/principi-per-lo-statuto-3-resilienza/
https://montevegliotransizione.wordpress.com/2013/05/28/principi-per-lo-statuto-2-2/
https://montevegliotransizione.wordpress.com/2013/05/20/principi-per-lo-statuto-di-valsamoggia/
https://montevegliotransizione.wordpress.com/2013/05/07/costituente-valsamoggia-giovedi-905/
https://montevegliotransizione.wordpress.com/2013/04/29/costituente-vasamoggia-ci-vediamo/

Un lavoro da finire…

luglio 11, 2013

Proporrei al gruppo che sta lavorando sulle proposte per lo statuto di rivedersi martedì 23 luglio a S. Teodoro alle 21:00 per finire il lavoro. Dobbiamo concludere l’attività impostata sui “Principi per la gestione del territorio” e affrontare il tema partecipazione/deliberazione.

Vi ho mandato anche un’email, se ho scordato qualcuno fate circolare, se ci sono nuovi interessati battano un colpo.
Grazie a tutti.

Principi per lo statuto 2

maggio 28, 2013

Ecco gli aggiornamenti dell’incontro di venerdì scorso, abbiamo provato a raffinare un po’ gli articoli del Titolo “Territorio e Economia” e abbiamo fatto qualche riflessione preparatoria sul tema della partecipazione.

Ho cominciato anche a far circolare i testi per raccogliere idee fuori dal nostro piccolo gruppetto pseudocostituente (sentiti informalmente Balzani, Della Volpe, Zamagni) e da qui deriva il suggerimento di Stefano Zamagni di fare una riflessione sul concetto di “sussidiarietà circolare” (vedi sussidiarietà verticale e orizzontale in fondo al post). L’idea la potete sentire dallo stesso Zamagni nel filmato qui sopra e in quello qui sotto.

Ci si rivede venerdì così ci ragioniamo un po’.

Per il momento ecco il testo dopo l’ultima elaborazione. Abbiamo cercato di semplificare al massimo e di eliminare le ridondanze. I testi riportati in grigio sono quelli che non abbiamo ancora toccato, ma che andranno certamente sistemati.

(more…)

Principi per lo statuto di Valsamoggia

maggio 20, 2013

AssembleaCostituente

Dopo il primo incontro ci vediamo venerd’ 24 alle 20:45 sempre a S. Teodoro (parliamo di questo) per cominciare a lavorare sulle proposte da portare all’Assemblea Costituente.

Il clima della prima riunione dell’Assemblea (foto sopra) è stato incoraggiante, fortunatamente sembra ci sia la disponibilità di tutti a lavorare per la costruzione di uno statuto condiviso e anche quelli che in un primo tempo sembravano volerne stare fuori, sono ora parte del processo.

Mi pare un’ottima notizia, vediamo come procederà e nel frattempo proviamo a buttare giù qualche idea. Come avevo promesso nel nostro incontro precedente, ho preparato una traccia che ho fatto girare via email e riporto anche qui, così se qualcuno che legge ha qualche idea geniale…

Mi sono concentrato, per prima cosa, sul tema “ecologico”, poi procedo su quello della democrazia deliberativa e sulle nuove forme di collaborazione tra amministrazione e cittadini. A questo proposito mi ha fatto molto piacere sentire che in Assemblea è stato proposto Rodolfo Lewanski come membro del Comitato Scientifico, così come mi è dispiaciuto che nello stesso comitato non ci sia nessuno che possa maneggiare il tema delle risorse, un po’ un peccato.

Ecco la prima traccia…

(more…)