Archive for the ‘testimonianze’ Category

Balzani: Tagliamo la bolletta 2

febbraio 15, 2011

Scarica il volantino in pdf.

AGGIORNAMENTO: è previsto un servizio di accoglienza e intrattenimento per i bambini che ha un costo di circa 2 euro a testa.

Continuano gli incontri a scuola e il 25 febbraio abbiamo il piacere di ospitare il Prof. Vincenzo Balzani, un chimico molecolare di fama mondiale, un uomo che ha un curriculum internazionale che a vederlo mette paura, con oltre 500 pubblicazioni scientifiche all’attivo, premi, riconoscimenti… insomma, uno serio, molto serio.

Nonostante questa statura accademica, raramente ho incontrato qualcuno così bravo a raccontare in modo semplice cose difficili, a rendere comprensibili temi complicati come quelli legati all’energia.

Quanto ci costa l’energia?

Il Prof. Balzani ci permetterà di proseguire il nostro viaggio e capire quanto incide nelle nostre vite il bisogno di energia. Quanto ci costa? Andiamo oltre il costo monetario, quello non certo trascurabile che paghiamo nella bolletta, scopriamo cosa facciamo al mondo e a noi stessi producendo energia, scopriamo a che punto siamo con le risorse e perché in Europa già si parla di razionamenti di carburanti.

Cerchiamo di capire come inciderà il futuro scenario energetico sulle nostre vite (il petrolio sopra gli 80 dollari ha già cambiato profondamente tutta l’economia mondiale), su quello che facciamo ogni giorno, sulle nostre attività lavorative, sulla salute, sulle prospettive per i nostri figli.

Sarà un’occasione piuttosto rara per ragionare seriamente su temi importanti come le fonti rinnovabili. Servono davvero? Sono sostenibili nel tempo? Quanto petrolio possiamo ancora sfruttare? Il nucleare potrebbe aiutarci veramente? E soprattutto…

… possiamo farci qualcosa?

Il dubbio è ovviamente sempre lo stesso. Quando avrò saputo come stanno davvero le cose mi sarà utile? Posso farci qualcosa con queste informazioni? C’è un modo per proteggere la mia famiglia, la mia impresa, il mio futuro dai problemi energetici che già si stanno manifestando e si manifesteranno ancora più intensamente nei prossimi anni?

La risposta è sì, assolutamente sì. Ci sono davvero molte cose che si possono fare, come singoli cittadini o nuclei familiari, ma anche e soprattutto come comunità.

Se venite ne parliamo. Se non potete o non avete tempo o voglia, saremo sempre pronti a parlarne ancora, ma sappiate che più lentamente ci prepariamo, più sgradevoli saranno le conseguenze perché gli unici che possono risolvere questi problemi siamo noi.

La salute dei nostri figli: intervista

agosto 16, 2010

Ecco a voi l’intervista sintetica “si fa per dire” realizzata in occasione della conferenza di Patrizia Gentilini qui a Monteveglio. In caso non abbiate il tempo di vedere tutto il materiale dell’intera conferenza, questa è una buona sintesi.

Clicca qui per vedere il filmato.

Patrizia Gentilini: da non perdere!

marzo 16, 2010

Scarica il volantino in PDF

Per questo incontro vi chiediamo un aiuto. Vorremmo che tantissime persone di Monteveglio venissero a sentire quello che la Dott.ssa Patrizia Gentilini ha da raccontarci sulla sconcertante situazione sanitaria provocata dalla nostra epoca industriale. Ne avevo già parlato qui (e vi invito a leggere per farvi una prima idea se non lo avete già fatto).

Questo nostro modo di vivere ci fa male e non ci rendiamo conto di quanto ci faccia male. Invece è importante saperlo perché possiamo fare tantissimo, da subito, per cambiare le cose.

Se non potrete essere presenti cercheremo comunque di filmare l’incontro e Patrizia ci rilascerà anche una videointervista che renderemo disponibile sul web e potremo presentare in DVD a chi vuole essere informato. Sapere, in questo caso, è un diritto e anche un atto di responsabilità, soprattutto verso le nuove generazioni che stanno già ora soffrendo pesantissime conseguenze sanitarie prodotte dalla nostra leggerezza.

Possiamo cambiare, in tempi brevi e guadagnarci tutti. Il primo passo per cambiare è sempre conoscere, conoscere il problema, conoscere i dati scientifici che raramente (sarebbe meglio dire mai) vengono messi a disposizione delle persone.

Ecco perché questa volta ci sentiamo di chiedervi di utilizzare un po’ della vostra energia per invitare le persone a questo incontro. Potete farlo diffondendo o affiggendo il volantino, o più semplicemente parlandone in famiglia, con gli amici e i colleghi di lavoro.

Ci si vede domenica.

Marghe e il Galles

dicembre 4, 2008

Riprendo un commento di Marghe a uno dei nostri post perché è bello avere testimonianze dirette di persone che sono entrate in contatto con questo movimento in altri paesi:

Complimenti. Mi commuove e mi riempie di energia positiva ciò che state facendo. Ho vissuto per qualche mese in Galles quest’estate e concetti come “transition town”, “peak oil”, “climate change” non solo erano ogni giorno sulla bocca di tutti con estrema consapevolezza, ma anche insite nelle azioni quotidiane delle persone che ho conosciuto. A partire dalla vita personale, per continuare nel lavoro (a volte quasi una missione), fino a semplici comportamenti quali il mangiare, il viaggiare, il consumare, il gettare…abbandonando il superfluo, il bisogno fittizio, lo spreco, l’indifferenza e il non mettersi in discussione, che tanto ci stanno facendo perdere il senso del senso. Tutto era instriso da un profondo senso di ETICA. Ecco, ecco il senso che sta scomparendo, sostituito dall’assolutezza di discutibili principi altri. Paradossalmente, chi è rimasto più indietro è molto più avanti. E tutto si riscopre, ancora una volta, relativo.